Camden Stables - tradizioneattacchi.eu

30/06/2020
Vai ai contenuti

Menu principale:

Camden Stables

Scuderie

Le Stalle di Camden
"alla ricerca dei fantasmi"
di Jane Badger

"Visitare davvero un luogo significa andare al di là delle apparenze e della ovvietà, cercare di suscitarne l'eco delle ricordanze che vi sono addensate leggendolo, come suggeriva Giacomo Leopordi, non solo con i nostri occhi ma anche con quella capacità immaginativa di suscitare fantasmi e di far giungere lo sguardo al di là della superfice delle cose".

Londra: nella maggior parte della città, probabilmente, se guardi con occhio clinico, puoi trovare tracce dei cavalli che qui lavoravano, anche se è solo nei nomi delle strade. Sebbene molti edifici siano completamente scomparsi, alcuni sono sopravvissuti, anche se sono stati riadattati ad altri usi completamente diversi.
Una di queste è la scuderia ferroviaria che serviva il deposito merci della stazione di Euston e i canali circostanti. Scuderie del centro città come queste ospitavano un gran numero di cavalli, spesso in spazi sorprendentemente piccoli. Se sei abituato agli spazi aperti della maggior parte dei cantieri moderni, è difficile immaginare che una volta che centinaia di cavalli fossero stati sistemati attorno a Chalk Farm Road, in quella che è diventata nota come Camden Stables. Al suo apice, le scuderie ospitavano 700-800 cavalli, con più scuderie alle estremità per quei cavalli che trasportavano passeggeri.

I fantasmi dei cavalli sono ancora lì a Camden, ma devi cercarli, di loro oltre alle strutture in mattoni sono rimaste queste sculture in bronzo a ricordare la loro presenza.

La prima serie di scuderie fu costruita nel 1839, ma ben presto le stalle e gli edifici circostanti videro decenni di espansione e ricostruzione. La prima gamma di stalle che sopravvive ancora oggi fu costruita nel 1844/6 e ospitava circa 160 cavalli. A queste stalle, per quanto fossero grandi, si unirono sempre più, man mano che l'era vittoriana avanzava e il boom del commercio richiedeva sempre più l'utilizzo del cavallo quale forza motrice. Le stalle furono costruite a ovest della linea ferroviaria nel 1856 per circa 150 cavalli. A nord di questo è stato aggiunto un altro edificio per circa 70 cavalli. Gli edifici furono notevolmente ampliati quando Gilbeys, il produttore di bevande, arrivò sul posto. Nel 1881, quando era necessario più spazio, non c'era molta scelta su dove andare, l'unica soluzione fu di costruire piani sovrapposti. Sebbene sia stato trovato spazio per costruire un ospedale per cavalli a due piani, furono aggiunti nuovi piani a quelli già esistenti.

Non c'erano solo i cavalli, ma c'erano anche una fucina con maniscalchi per la ferratura, un sellaio per la riparazione dei finimenti, una selleria, un reparto di approvvigionamento per paglia e fieno e un alloggi per il personale. E non c'erano solo le stalle, c'erano i tunnel di collegamento, usati per portare i cavalli dalle stalle alle stazioni dove dovevano lavorare.
L'immagine sotto mostra Lilian Carpenter che porta Snowball lungo i tunnel dei cavalli. È interessante notare che non aveva bisogno di essere ricondotto - apparentemente poteva essere lasciato per fare il viaggio di ritorno nella sua stalla da solo. Lilian Carpenter si è unita alla LMS (Londra, Midland e Scottish Railway) durante la seconda guerra mondiale, ed è stato uno dei soggetti di un saggio fotografico nel 1943 del fotografo della divisione foto del Ministero dell'Informazione Richard Stone, che mostra un giorno nella vita di una ragazza durante il conflitto.


La vita quotidiana nelle stalle è difficile da immaginare se le visiti ora, ma c'è un eccellente film britannico "Pathé" girato nel 1949 sull'epidemia di influenza che ha spazzato le stalle della Chalk Farm che ti dà una buona idea di come fosse la vita. Mostra la fucina, le scuderie, la sala delle visite e il negozio dei mangimi e un veterinario che somministra le medicine.
Meno di venti anni dopo che il film è stato girato, non è rimasto un solo cavallo. L'ultimo cavallo che lavorava sulle ferrovie del Regno Unito lavorava a Newmarket e si ritirò nel 1967.
La maggior parte delle scuderie della Chalk Farm sono state demolite, a parte le stalle immediatamente a ovest della Chalk Farm Road. Degli altri, poco altro rimane a parte i tunnel e le scale a cavallo che un tempo li collegavano al cortile delle merci. Come le stazioni della metropolitana spettralmente inutilizzate che sopravvivono ancora sotto Londra, questi ricordi del passato equino di Londra esistono ancora.

Le scuderie stesse sono molto diverse ora. La maggior parte di ciò che sopravvive è stato convertito in unità di vendita al dettaglio dopo che le scuderie hanno subito un enorme programma di conversione nel primo decennio di questo secolo.
Camden Stables è elencato e, sebbene sia positivo che il paese riconosca l'importanza che il cavallo ha giocato nel suo passato, porta a problemi interessanti quando si tenta di conciliare questo passato con i bisogni del presente. Nel tentativo di relazionarsi con il suo passato, gli organizzatori hanno sparpagliato il posto con cavalli e murales in bronzo. Abbastanza dubbiosi di quanto successo abbiano i cavalli di bronzo nel trasmettere la sensazione di come fosse la vita.

I cavalli di bronzo provano un senso di riconoscenza per le autorità di conservazione dei beni culturali, a cui piace che le conversioni di proprietà industriali abbiano un cenno al loro passato. Anche se l'intero concetto sembra confuso. All'ingresso sono cavalli selvaggi, che esplodono dall'arco, e sul pavimento sotto di loro c'è un maniscalco. Questo è inteso come un commento sul dominio dell'uomo sulla natura selvaggia essenziale dei cavalli? O dei cavalli che sfuggono al dominio dell'uomo? O solo una giustapposizione goffa? In ogni caso, ci sono molte migliori sculture di cavalli nel mondo. Ma ce ne sono moltissimi a Camden, quindi se la quantità è la tua passione e non la qualità, non rimarrai deluso se lo visiti.

Per quanto riguarda oggi il senso di com'era vivere e lavorare nelle stalle quando furono costruite, ho trovato uno sconcerto quando le ho visitate nel 2016. Anche se il formato base delle stalle rimane ancora, così come delle scatole sciolte, c'è molto poco senso del cavallo, nonostante tutti quei grandi cavalli di metallo. Non sono del tutto sicuro di ciò che gli dà (almeno per me) così poco senso del suo patrimonio industriale. Penso che sia perché la cosa più evidente del posto è il motivo per cui le persone sono lì, e cioè comprare cose, o passeggiare e ispezionare ciò che è diventato una destinazione turistica. Sei circondato da persone il cui obiettivo sono le cose, e non da persone e animali che qui svolgevano un duro lavoro fisico.
Questo è abbastanza giusto, poiché è grazie a questo che gli edifici ora sopravvivono e in una certa misura sono stati preservati. Ma l'atmosfera del luogo non è così diversa da nessun'altra parte.

Quei cavalli di bronzo avevano la sensazione di un luogo pieno di "dodos". I veri cavalli erano estinti e, come i "dodos", i cavalli di bronzo erano qualcosa solo per guardare, o per passare, incuriositi, sulla strada sino alla prossima bancarella di cibo. I fantasmi dei cavalli sono ancora lì a Camden, ma devi cercarli. L'ospedale per cavalli era più facile da immaginare com'era stato, probabilmente perché ora è un club e non uno spazio commerciale, ed era praticamente deserto quando siamo andati lì. Ho sentito, una grande tristezza quando ho visitato. Non c'era niente che volessi comprare: ho abbastanza magliette. Era come se una cattedrale fosse stata trasformata in un centro commerciale. Invece di quella spinta di secoli di tradizione che generazione dopo generazione ha utilizzava l'edificio per lo scopo per cui era stato costruito, sovrapponendo una manifestazione del capitalismo a un'altra.

All'inizio del 20° secolo, il quartiere di Camden era un centro per le merci provenienti da tutto l'impero britannico, con la stazione ferroviaria di Kings's Cross accanto e il canale di Regent a fianco, l'area era piena zeppa di attività industriali e ferroviarie. Ed erano i cavalli che venivano usati per trascinare le parti e le merci del treno lungo il Regent's Canal e nei magazzini di Camden. Il mercato delle stalle non era solo una rete di sellai e scuderie artigianali, ma comprendeva anche un ospedale per cavalli dove cavalli malati o stanchi potevano riposare, infatti, nel solo 1939 oltre 800 cavalli attraversarono le porte dell'ospedale.

Se ti piace vagare con la fantasia per il mercato delle stalle di Camden Stables e perderti nel labirinto di tunnel e archi, e provare almeno una volta a salire su quei grossi cavalli di bronzo, potrai trovare interessanti negozietti di abiti vintage dove acquistare abbigliamento originale adatto al nostro sport: gli equipaggi in Tradizione. Quindi la prossima volta che sei sul mercato, non essere timido e vieni a salutarci, saremo più che felici di condividere alcune storie più affascinanti con te.

Torna ai contenuti | Torna al menu