La Rietina - tradizioneattacchi.eu

13/09/2019
Vai ai contenuti

Menu principale:

La Rietina

Se ne parla

UN’ESPLOSIONE DI COLORI NEI CARRETTI
TRAINATI DA ELEGANTI CAVALLI VESTITI A FESTA.
LA RIETINA – LA SFILATA TIPICA DEI CARRI SICILIANI
CAMPOBELLO di LICATA

In provincia di Agrigento, nella splendida Sicilia, si svolge una manifestazione meravigliosa: la rietina. Di cosa si tratta? Semplice: di una sfilata di coloratissimi carri trainati da eleganti cavalli vestiti a festa. Inoltre, gruppi folkloristici suonano melodie locali, divertendo tutti gli spettatori.

La rietina più popolare si tiene a Campobello di Licata, Agrigento, fin dal 1737. Si svolge infatti ogni anno ad agosto, in occasione della festa della Madonna dell’Aiuto, cioè il lunedì della settimana successiva a Ferragosto. Vi partecipano più di 60 carretti. Qual’è il migliore? Quale cavallo ha i più splendidi ornamenti? Questo dovrà deciderlo il pubblico. In più, alla fine della sfilata, si apre l’asta per aggiudicarsi la Bannera, cioè la bandiera della Madonna. Ovviamente, come in ogni asta che si rispetti, vince il miglior offerente. Ma non pensate a una manifestazione poco caritatevole: i soldi raccolti, naturalmente, vengono donati alla chiesa Madre.

Il nome ‘Rietina’ deriva da quello che in gergo contadino era una ‘cordata’ di animali da soma. I muli venivano infatti messi in fila (non più di nove), da un burdunaru, il conduttore, che garantiva ordine e sceglieva il giusto percorso, volto a coinvolgere i terreni meno accidentati, per il trasporto delle derrate alimentari, che poi venivano commercializzate presso i centri urbani.
Secondo Francesco Nicotra, la solenne manifestazione, caratterizzata spesso da abbondanti donativi in grano, veniva spesso accompagnata da un’imponente cavalcata con muli e destrieri bardati e foderati in gualdrappe tintinnanti di campanelli e dai colori sgargianti. L’evento colpì anche il Pitrè, che nel suo “Feste Patronali nella Sicilia Occidentale” (1900) ne parlò con divertito entusiasmo.

Bellissimo vedere queste immagini, ci si riapre nel cuore la speranza della continuità delle tradizioni, della nostra storia, della nostra cultura, complimenti a tutti voi, ci vorrebbero molte più manifestazioni come questa in tutta Italia. Grazie di cuore per il vostro impegno nel tramandare ai vostri giovani ragazzi i valori e la passione per i cavalli e carri, per dare continuità al nostro passato.

Torna ai contenuti | Torna al menu