Fanali da carrozza - tradizioneattacchi.eu

10/11/2018
Vai ai contenuti

Menu principale:

Fanali da carrozza

Fanali e lanterne

Fanali, lanterne, carriage lamp, Laternen, faroles

Apriamo con questa lettera un altro capitolo molto importante nei Concorsi di Eleganza, Tradizione e anche per le varie sfilate di attacchi d'epoca.
L'uso corretto dei fanali sulla tipologia delle carrozze.

Cari amici, riguardando le foto di Verona e di Mustonate  mi sono imbattuto in alcuni abbinamenti che io ritengo sbagliati (forse) e sconsigliabili (sicuramente).  Ho visto qualche carrozza sportiva "da maitre" con fanali quadri e carrozze di servizio da cocchiere  con fanali rotondi. A me sembra di ricordare che il fanale a corpo tondo con spagliazzo tondo o ovale è indicato alle carrozze sportive guidate  generalmente dal proprietario (break, phaeton, gig ecc.) mentre  quelli a corpo quadro sono adatti alle carrozze di servizio (coupè, landeau, milord ecc): Discorso particolare per la famiglia dei coach per i quali esistono appositi grandi fanali a corpo tondo (a volte quadro ma con vetro frontale rotondo, raro) con grande camino  e per le vetture di gala (berline) che hanno fanali cilindrici. Mi sarebbero utili maggiori chiarimenti perchè la materia è interessante ed indubbiamente importante per tutti coloro che praticano la disciplina degli attacchi di tradizione, grazie Dario Bazzoni.

LANTERNES
Il classico fanale da carrozza provvisto di candela fa la sua apparizione nel XVIII secolo, appannaggio delle berline di gala per poi diffondersi su quasi tutte le varie tipologie di carrozze.
Lo scopo principale dei fanali era quello di rendere visibile la carrozza ai pedoni in transito sulle strade buie dei tempi, la fioca luce delle candele difficilmente avrebbe potuto illuminare la strada oltre il naso dei cavalli.
Nel tempo i fanali assumono anche la funzione distintiva e qualificante della carrozza, come le carrozze erano di molti modelli a seconda degli usi al quale erano destinate, anche i fanali assunsero forme e funzioni ben precise.
La prima precisazione che possiamo fare è che esietevano fanali da carro, da carro funebre, da carrozza.
In questa pagina ci occuperemo solamente dei fanali da carrozza essendo questo un argomento molto vasto e ricco di varie tipologie.
I fanali da carrozza si differenziano nelle forme per berline da gala solitamente cilindrici e nel numero di 4 cesellati e sovente dorati.
Fanali per mail-coaches sempre di notevoli dimensioni dotati di cappello dalla forma caratteristica.
Fanali da coupè quadri o a colonna con uno speciale attacco a baionetta.

Fanali da carrozza si suddividono sulla base della forma del corpo del fanale in:

1)fanale corpo tondo per carrozze sportive guidate dal proprietario.

2)fanali dal corpo tondo speciali di lusso con spagliazzo tondo o quadro,
solitamente di alta qualità e fabbricati su commissione.
(lo spagliazzo è la parabola ottonata che avvolge il vetro anteriore del fanale indipendentemente dalla sua forma).

3)fanale a corpo quadro per carrozze di servizio guidate dal cocchiere;
fanali quadri di grande qualità con spagliazzo tondo sono riservati alle carrozze sportive.

4)Fanale a corpo bisquadro adatto per carrozze sportive guidate dal proprietario e a volte dal cocchiere, non adatto alle carrozze di servizio.

Il corpo dei fanal sempre rigorosamente nero con le parti metalliche relative alle sue finiture che devono essere conformi al colore degli accessori della carrozza.
Utile ricordare che i fanali devono essere provvisti di candele nuove con gli stoppini che devono essere già bruciati,essere diritti e ben fissati, con le parti ottonate o cromate ben lucide.

Pur non essendoci regole codificate queste sono le regole consigliate negli ambiti della Tradizione.

Ulteriori approfondimentite sono reperibili al libro:
Carrozze
Tradizione ed Eleganza delle Redini Lunghe
Autore: Carlo Gnecchi Ruscone
Ricordiamo agli appassionati di settore che il volume è disponibile al sito :
SOCIETA MILANESE REDINI LUNGHE
il primo libro esistente, totalmente dedicato alla Tradizione dell’Arte
della guida con le Redini Lunghe.


Torna ai contenuti | Torna al menu