La scarpa - tradizioneattacchi.eu

10/11/2018
Vai ai contenuti

Menu principale:

La scarpa

Terminologia

La scarpa: un accessorio delle berline da viaggio

Carrozza da viaggio – Roma 1855/57
Questa storica berlina da viaggio, la prima realizzata da artigiani romani, secondo la tradizione questa carrozza venne utilizzata nel 1857 da Papa Pio IX per visitare i possedimenti pontifici nella Legazione delle Romagne, per quella che passerà alla storia come “l’ultima visita di un Papa-Rè”. Diversa nella sua struttura dalle altre carrozze, più robusta e meno decorata, è l’unica vettura da viaggio del Padiglione delle Carrozze ad essere dotata di “scarpe”, e di bastone d'arresto posteriore, azionato dal valletto sul sedile posteriore mediante l’abbassamento di una correggia. Lo stemma di Papa Benedetto XV su entrambi gli sportelli indica che questa carrozza è stata in uso fino al 1922.


Sempre alla ricerca di interessanti particolarità, abbiamo notato su questa berlina da viaggio una interessante applicazione della tradizionale "scarpa di frenatura".
La scarpa: piccolo pattino di ferro che veniva posizionato sotto una o due ruote posteriori per bloccarle, usata per rallentare le vetture su pendii molto ripidi, la scarpa consiste in un pezzo di ferro piegato nella parte anteriore e con due orecchie laterali, collegato con una catena agganciata sotto la cassa della vettura.

Quando si voleva fermare la ruota, il cocchiere o un suo aiutante posizionava semplicemente la scarpa davanti alla ruota, in modo che la ruota salisse da sola su questa “piccola slitta” che fermava il rotolamento della ruota facendo, nel contempo, con il suo peso attrito sul terreno, impedendo alla vettura di prendere velocità nelle discese. Un’operazione manuale che costringeva una persona a scendere dalla vettura, a sganciare le scarpe dal gancio di sospensione posto sotto la cassa e posizionarle davanti alle ruote, sempre con il rischio di possibili incidenti nel caso di improvvisi movimenti dei cavalli e della carrozza.

Un’operazione che ogni volta richiedeva una considerevole perdita di tempo che influiva negativamente sulle tabelle di viaggio. E’ su questa berlina da viaggio di Papa Pio IX che abbiamo notato un particolare sistema riguardo al posizionamento della “scarpa”. Evidentemente la “fretta del Papa” e i numerosi saliscendi della conformazione collinare del Regno Papale, aveva portato i fabbri ferraioli a ideare questo semplice ma efficace sistema “semi automatico” di posizionamento delle scarpe.

Due bracci metallici incernierati all’assale posteriore sorreggono le due scarpe posizionate davanti alle ruote già nella posizione consona per essere inserite. Vengono trattenute in questa posizione di attesa da una correggia in cuoio, una per ogni lato, che tramite delle carrucole scorre lungo il bordo del fondo cassa fino ad arrivare alla serpa del cocchiere. Un gancio ed anello di stazionamento le trattiene in posizione “libera”, con una semplice azione della mano, il cocchiere sganciava la correggia e lasciava scendere la scarpa che andava automaticamente a posizionarsi sotto la ruota.

Al termine della discesa, una breve retromarcia della carrozza ne permetteva il recupero da parte del cocchiere riposizionando l’anello al gancio di stazionamento, tutto questo evitando tempi morti di salita e discesa dalla carrozza da parte dei servitori con l’annullamento di probabili incidenti.  Arcaico e rudimentale, la scarpa è stata a lungo l'unico mezzo conosciuto di frenata, nel 1820 fu l'unico elemento normativo di sicurezza imposto alle vetture pubbliche che trasportavano passeggeri.  

Un’ordinanza imponeva: "le vetture verranno fermate ogni volta che inizieranno una discesa veloce, la scarpa verrà posizionata dal cocchiere” (ordine del 4 febbraio 1820) che conteneva misure di polizia relative ad appaltatori, vetturini o corrieri ed altre vetture di pubblico servizio. Questa vettura è dotata anche dal “bastone d’arresto” per bloccare l’arretramento della vettura in caso di curve effettuate a più riprese in salita. Azionato manualmente tramite una correggia dal servitore posizionato sul sediolo posteriore.

Arcaica e rudimentale la scarpa venne gradual-mente rimpiazzata dal meccanismo del freno a ceppo, in queste immagini abbiamo cercato di capirne l'evoluzione, da strumento manuale a strumento semiatomatico manovrata della serpa in modo rudimentale per tramutarsi successiva-mente nei freni a ceppo manovrati con vari sistemi meccanici per aumen-tarne la forza d'attrito.

La scarpa rimase comun-que usata per molto tempo sulla pesanti vet-ture da viaggio, diven-tando un accessorio tradi-zionale sui Coach e Park Drag sino alla fine del diciannovesimo secolo.


Bibliografia da: Voitures hippomobiles – Jean Louis Libourel
Carrozze- Tradizione ed Eleganza delle Redini Lunghe – Carlo Gnecchi Ruscone

senza freno, solo scarpa manuale.

doppia scarpa semi manuale

scarpa più freno a ceppo con azionamento a leva.

doppio freno a ceppo con azionamento a doppio volantino

Torna ai contenuti | Torna al menu