Mantenimento - tradizioneattacchi.eu

19/01/2018
Vai ai contenuti

Menu principale:

Mantenimento

Carrozzai

L’ultima “corsa”


Il pallido sole che aveva rischiarato il giorno era ormai scomparso, una fitta nebbiolina aveva iniziato a trasformare le ombre con contorni soffusi. Con l’arrivo della stagione invernale le giornate si erano accorciate, “Pierr” il vetturino attendeva ancora l’ultimo cliente della giornata che tardava, il freddo cominciava a penetrare nel pesante pastrano posato sulle spalle, il respiro del cavallo disegnava nuvole di vapore che lentamente si depositavano al suolo. Dal cigolio della porta che si apriva, dedusse che qualcuno era salito in vettura, con un rapido sguardo notò l'ampia gonna, capii che era una signora. Una voce tenue indicò il nome di una via, rapidamente la carrozza parti al piccolo trotto. La nebbiolina diventava sempre più fitta, la strada rotta dalle piogge autunnali era disseminata di buche; Pierr non voleva che “madame” fosse sballottata. Arrivò all’indirizzo indicato, un gran palazzo con molte luci, forse c’era una festa, pensò Pierr, Madame scese, pagò la corsa ed entrò nel palazzo.  Per Pierr era l’ultima corsa della giornata, pensò al fuoco caldo e alla tazza di minestra che lo aspettava, per un momento si distrasse dalla guida, uno scossone e un rumore secco di legno infranto lo distolsero dai suoi sogni. Fermò immediatamente il cavallo, scese da cassetta e capii subito cosa era successo, un “gatello” della ruota posteriore si era rotto. Un’imprecazione si dissolse nell’aria, questo significava la perdita di un giorno di lavoro e la spesa aggiuntiva per la riparazione. Risalii a cassetta e al passo mestamente si avviò verso la bottega del "carrozzaio".


  Con l’inverno è tempo di fare “mantenimento” alle vetture.


Terminati gli ultimi eventi, le carrozze sono tornate nelle loro rimesse in attesa della primavera per iniziare una nuova stagione di appuntamenti, in questo periodo di “letargo” possiamo usufruirne per un controllo e una pulizia generale alle nostre carrozze;
riportiamo alcuni consigli del “Tassinari” sul modo di lavare le vetture.


"Si comincia col togliere i tappeti ed i cuscini, si battono e si spazzolano, si prende un secchio d’acqua pulita, e si spugnano i bottoni postati sul marocchino, e dopo averli asciugati, si mettono su un tavolo. Avere cura di uscire fuori per battere i tappeti affinché la polvere non danneggi. Fatta quest’operazione  si prende la lancia a ventaglio e si bagna la vettura badando però di non toccare l’interno.
Quindi si prendono due secchie d’acqua, la spugna e la pelle ben pulita, e si incomincia dal di sopra o dal mantice della vettura, si segue poi a destra della scocca e si fa il giro tutt’intorno senza economia d’acqua, avere l’accortezza di avere le unghie corte, affinché non passino la spugna, ciò potrebbe rigare la vernice.
Finita questa operazione della scocca e del garde crottes  si prende l’altra spugna e il passepartout , e con due altre secchie d’acqua si lava l’avantreno, poi si alzano le due ruote posteriori, si lavano e si asciugano avendo cura di passare bene il passepartout nelle finzioni dei   raggi e delle giunture. Si abbassano  le ruote posteriori e si alzano quelle anteriori facendo la medesima operazione, passare bene negli angoli delle molle avendo cura di non lasciare traccia né di fango né di polvere. Si controlli che le ruote abbiano un leggero gioco e al caso si smontino dall’asse e si oliano quel tanto che basti, senza esagerare.
Finito questo abbiate cura che la vostra pelle sia ben pulita, ripassate la scocca per far brillare la vernice, quindi ci passerete la salvietta di seta, toglierete le candele dai vostri fanali, se sono piccole ne metterete di nuove, passate bene la spugna e la pelle all’interno dei fanali, la pelle carbone con Brillan Buhler avendo cura di non toccare le vernici per non rigarle.
Prendete uno straccio fino con un po’ di petrolio per togliere le macchie di grasso dalla ralla, finirete con un colpo di piumone passando lo straccio di flanella su tutte le parti di cuoio verniciato, olierete tutti i dadi e le viti delle molle con olio mescolato a petrolio.
Prendete la cassetta dei colori e ritoccate ove ne sarà bisogno, in particolare controllate le filettature, passate la piombaggine sui cerchioni delle ruote , mettete la vettura in rimessa e copritela con un telo in stoffa affinché non prenda polvere."

Per chi avesse delle riparazioni da far eseguire ad esperti di settore diamo l'indirizzo di una "bottega da carrozzaio" specializzata nel ripristino di ogni particolare che riguardi una carrozza; ruote ,cassa, mantice, tappezzerie, fanali, verniciatura e filettatura, ecc.

www.guanzirolicarrozze.it/


tel. +39 031 735240

Torna ai contenuti | Torna al menu