Lettighiero - tradizioneattacchi.eu

28/09/2020
Vai ai contenuti

Menu principale:

Lettighiero

Scuderie

IL MASTRO DI CASA

Opera concernente il governo delle case de’Grandi che de’Privati. Francesco Liberati 1658
Uno scritto che illustra nelle loro mansioni tutti i vari personaggi che gravitavano all’interno
delle corti, tra questi alcune figure per la gestione delle scuderie.

Il lettighiero ò Mulattiero.

Il lettighiero, ò mulattiero dovendo aver cura di due Muli della sua lettica, è di tre al più, osserverà esattamente quanto s'è detto del Garzone di stalla, e terrà la lettica ben custodita, coperta, e netta dalla polvere è fango, il simile farà dei basti, selloni, e fornimenti de Muli.
In occasione di viaggio andrà provvisto di tutte le cose, che bisognano per ferrare muli con la sua ferriera, del che dovrà esser ben esperto; riposerà sempre la lettica in luogo sicuro, e coperta in tempo di pioggia, nè mai lascerà per strada la briglia del mulo dinnanzi, massime quando il Padrone vi sarà dentro. Procurerà, che li muli mangino sempre orzo di buona qualità, e che faccino esercizio continuo, accioche non s'infermino; avverta di non esser bestemmiatore, e arrogante, nè sarà vecchio di età, nè malsano, acciochè possa resistere alla fatica.

Il Lettighiero,e Mulattiere deve ogni sera andare in camera del Maestro di Casa a pigliar ordine di quanto avrà a fare il giorno seguente; in evento, che il Padrone dovesse far lungo viaggio deve prima provvedersi di tutte le cose necessarie, chiodi, tenaglie, martelli, e sferre per supplire alli bisogni che venissero; e dopo avuto dal Maestro di casa l'ordine, e l'hora del partire con la consegna di tutte le robbe, e balle che avranno da portare, se ne fara far lista, e tenerla appresso di sè.

La mattina a buon'hora non solo egli, ma anco li compagni caricheranno oltre le robbe del Principe anco quelle, della famiglia, dovendo avere in pronto li tamburri, e le valigie di essa al peso di cinquecento libre, e meno secondo la comodità della soma. Se saranno Muli presi a nolo, li mulattieri sapranno essi il loro carico, e se saranno propri, non si devono caricare a rigore. Dovrà avvertire di non far mettere sopra li Muli più robba di quella che gli sarà consegnata dal Maestro di casa, egli dovrà consegnare doppo a tutti le sue distintamente, avvertendo che non si perdi niente; la mattina quando si caricano li Muli, rincontrerà tutte le robbe con li suoi compagni, accioche non rimanga a dietro qualche cosa, perché poi è difficile il ricuperarla; dovrà aver la lista del viaggio, e per sapere dove ciascuna sera si dovranno fermare.

Partirà ancora tanto per tempo, che non abbia a giungere di notte, perché è molto meglio la mattina andare incontro al giorno che la sera incontrar la notte, per li cattivi passi che si sogliono trovare, leverà l'occasione di bestemmiare, che questa sorte di gente suol fare insopportabilmente nel giunger stracco, affaticato. Non si devono sforzare i muli dal loro passo il solito è di farsi venti miglia, poco più è meno; però questi dovranno partir molti giorni prima del Padrone, arrivare al luogo destinato molti giorni avanti l'arrivo di quello, eccettuando il Mulattiero che porterà il letto, e altre cose necessarie per la sera, il quale seguiterà sempre il Principe, e basta che giunga un hora avanti il suo arrivo, conforme più a pieno si è parlato al capitolo del Furiere.

Torna ai contenuti | Torna al menu