cani alle redini - tradizioneattacchi.eu

24/06/2018
Vai ai contenuti

Menu principale:

cani alle redini

Curiosando

"cani "alle redini lunghe

Siamo soliti sentir parlare di cani che trainano slitte nelle fredde regioni del circolo polare, per secoli unico mezzo di trasporto in queste inospitali terre ai confini del mondo. Gli esquimesi sino all’avvento delle moderne motoslitte si sono avvalsi di questo animale per gli spostamenti e il traino delle loro cacciagioni e masserizie guidandoli in mezzo ai ghiacci, avvalendosi della loro voce e incitandoli con la frusta. Anche se sovente vediamo dei guidatori veri e propri "cani" alla guida con le redini lunghe, ci siamo chiesti se nel vecchio continente nell’epoca d’oro delle redini lunghe (1800) i cani fossero stati oggetto di utilizzo per il traino di piccoli carretti o carrozzine. Ne troviamo una conferma in un articoletto di curiosità su una cronaca da un giornale del 1838:

La moda: giornale di scene della vita,
mode di vario genere e teatri.



Un tiro a quattro di cani a Parigi

"Da qualche tempo un tiro a quattro di cani attrae a Parigi l’attenzione delle persone che vanno a passeggio sul Boulevart de la Madelaine. Questi cani sono della razza dei Perenei, di una smisurata grossezza, e tutti e quattro neri, macchiati egualmente di bianco: essi tirano una piccola ed elegante Britscka. I cani sono aggiustati alla foggia di cavalli inglesi. Destano veramente meraviglia le volate che eseguiscono con destrezza del conduttore, e farebbero onore al più abile cocchiere. Il conduttore proprietario di quest’originale equipaggio è un nobile spagnuolo che si trova a Parigi da alcuni mesi. Egli ha dichiarato che scommette di percorrere i Boulevars dalla Bastiglia fino alla Maddalena in dodici minuti. Se questo esperimento riesce, potrebbe benissimo far nascere nella gioventù parigina il gusto di un nuovo genere di svaghi."

Certamente il cane era un animale meno impegnativo del cavallo, richiedeva di sicuro meno attenzioni a scapito di una forza inferiore rispetto al cavallo, per questo veniva usato per il traino di piccoli carrozzini. Troviamo quindi questo animale comunemente usato come una bestia da soma in Francia, ma anche in Belgio, Germania , Svizzera, Olanda.
Usato sopratutto dai contadini,venditori ambulanti e utilizzato in tutti i " lavoratori poveri ", per il trasporto degli infermi e gli anziani,in quanto docile e obbediente.Molto usato nei servizi postali dai postini, i titolari di spedizioni che lo usano per servizi veloci di piccole consegne tra i magazzini e la stazione ferroviaria.

Anche le donne lo utilizzarono molto nei loro lavori della vita quotidiana, per andare in cerca di erba per i conigli, per portare la spesa del mercato e anche per portare il latte alla città.
Il cane da traino era come un piccolo cavallo in miniatura, con il miglioramento del tenore di vita e l'arrivo della moto e automobili,hanno contribuito alla progressiva scomparsa di questa modalità di trasporto. Questi carri trainati da cani sono stati vietati in Gran Bretagna nel 1900 dalla protezione degli animali, ma alcuni li possiamo trovare ancora in Svizzera dove sono utilizzati per consegnare il latte in bidoni da piccole aziende fino al caseificio.


Torna ai contenuti | Torna al menu